Il territorio, l’ambiente, le nostre scelte

IL TERRITORIO, L’AMBIENTE, LE NOSTRE SCELTE

Percorsi praticabili nel rispetto del limite, dell’interdipendenza e delle responsabilità

Le attuali emergenze ambientali ed energetiche sono il risultato di un sistema economico squilibrato che si fonda sul presupposto di una crescita costante, ritenuta normale, necessaria e infinita. La scarsità delle risorse e le ripercussioni sociali e ambientali legate al loro utilizzo e controllo, la corsa all’approvvigionamento energetico attraverso guerre, piccole e grandi, rendono sempre più urgente rivedere il vecchio paradigma economico basato sul bisogno di quantità crescenti di energia. Come finalizzare risorse e tecnologie alla produzione di un benessere duraturo nel rispetto del limite, dell’interdipendenza e della responsabilità? Quali filiere sostenere e quali sostituire? Come fare per produrre con meno materia, con meno energia? Che ruolo e limiti hanno le energie rinnovabili? Innovare, basterà? Problemi complessi e di portata globale che riguardano gli attori politici ed economici nazionali e internazionali, gli attori delle politiche territoriali e, infine, noi tutte/i. Di questo vogliamo parlare. In un percorso minimo che affronterà i temi del dissesto ecologico nei suoi vari aspetti, cercheremo di mettere in luce le connessioni esistenti tra i modi di produzione energetica e l’attuale modello di sviluppo. Incontreremo Carla Ravaioli, che presenterà il suo ultimo libro dall’eloquente titolo “Ambiente e Pace: una sola rivoluzione”. Due incontri saranno incentrati sui saperi e gli strumenti per contenere i nostri consumi energivori: ogni nostra attività preleva, infatti, risorse dall’ambiente e produce scarti che nell’ambiente vengono smaltiti. Da qui, la necessità di attivare politiche territoriali innovative e coraggiose e imparare a divenire consapevoli delle nostre scelte. Un altro appuntamento sarà dedicato all’attivazione di pratiche di gruppo (GAS) per incidere sul sistema produttivo e distributivo. Sarà anche l’occasione per lanciare l’idea di formare un GAS ad Armonie e incontrare altri “gasisti”, produttori locali, nonché una singolare comunità di comunarde/i, Urupia. Ci piacerebbe che questi incontri fossero anche l’occasione per imbastire un dialogo rinnovato tra femminismo ed ecologia e per riprendere e riattualizzare il filo delle riflessioni e gli interrogativi sollevati dalla critica femminista della scienza. Il rapporto tra donne e scienza, il legame tra scienza e modelli di sviluppo, le procedure e i modi per incidere sulle scelte e sugli orientamenti della produzione scientifica saranno poi al centro di un serie di incontri che vorremmo organizzare il prossimo anno.

18.10.08 h.16.30

AMBIENTE E PACE. UNA SOLA RIVOLUZIONE

Incontro con Carla Ravaioli, giornalista e saggista, sulle contraddizioni dell’attuale modello di sviluppo e proposte alternative contenute nel suo nuovo libro.

08.11.08 h.16.30

QUELLO CHE LA BOLLETTA NON TI DICE …

I consumi energetici nascosti nei beni di uso quotidiano. Indagine su percorsi che portano a pratiche virtuose.

Con Manuela Cappelli Presidente Associazione Amici della Terra di Ozzano, Daniela Benfenati, Francesco Tutino coordinatore di EchoAction del Comune di Bologna e alcuni partecipanti a questo progetto

29.11.08 h.16.30

CONSUMO DI ACQUA, PRODUZIONE DI RIFIUTI

Impatto dei piccoli gesti quotidiani sull’ecosistema. Ogni nostra attività preleva risorse dall’ambiente e produce scarti che nell’ambiente vengono smaltiti. La sostenibilità richiede politiche territoriali innovative e coraggiose e cittadini consapevoli.

Ne discutiamo con: Caterina Alvisi responsabile Agenda 21 della Provincia di Bologna, Cristina Cortese Associazione Amici della Terra e Stefania Grillo consulente ambientale.

13.12.08 h.16.30

I GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS), UN’ECONOMIA DI RELAZIONE

Formiamo un GAS ad Armonie?

Una buona pratica di gruppo per incidere sul sistema produttivo e distributivo. Dopo l’incontro degustazioni di prodotti offerti da produttori locali. Con Susanna Cattini Presidente Associazione La Madia, Fabio Zanotti responsabile amministrativo GAS, Monica Daniele Associazione Amici della Terra di Ozzano, Lucrezia Marzolo coltivatrice diretta, le comunarde di Urupia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *